Home new york Newyorkesi stressati

Newyorkesi stressati

Non ci voleva certo un genio della lampada per capire come uno dei disturbi che colpisce maggiormente gli abitanti che vivono nella “grande mela” è proprio lo stress. Dopotutto la frenesia della metropoli americana è sotto gli occhi di tutti e chiunque percorra le strade di Broadway o osservi la mitica fifth avenue dall’alto, potrà rendersene facilmente conto. Una città dalle mille opportunità lavorative, punto di riferimento mondiale della borsa, come orgogliosamente ci ricorda il toro di wall street, non poteva che chiedere presto il conto ai suoi cittadini.

Alcuni studi di settore evidenziano come gran parte dei lavoratori che vivono a New York City soffrano qualche forma di stress, ma solo una piccola parte di questi ne è consapevole.
L’abitudine a vivere turni di lavoro massacranti, il caos della subway (basti pensare al flusso di persone alla fermata Times Square nell’ora di punta) e il tradizionale pasto fuori casa, sono solo alcuni dei fattori che possono causare tensioni emotive che, se irrisolte, comprometterebbero la salute intestinale dei newyorkesi.

Wall stess journal

Questa ricerca metteva in luce come l’ansia provocata dalle responsabilità lavorative, le difficili relazioni sociali e quindi emotive a cui sono avvezzi dei cittadini che trascorrono gran parte della loro giornata lontano dalle mura domestiche, potessero, assieme al consumo di cibo rapido da asporto, favorire l’insorgere di irritazioni intestinali.

Dai questionari compilati dai lavoratori di Battery Park, conosciuto come il distretto finanziario della città, emergeva che oltre il 35% dei lavoratori lamentava dei problemi all’intestino, almeno 1 volta a settimana. Con una discreta maggioranza del pubblico femminile, di età compreso tra i 35 e i 40 anni, emergeva che oltre il 15% degli intervistati temeva di soffrire di colite.

Essendo l’aumento degli stati d’ansia una delle prime cause in grado di colite nervosa, è plausibile trovare un nesso evidente tra lo stile di vita e nutrizionale di chi vive quel quartiere e l’emergere di disturbi del colon.

Rimedi naturali

Altro aspetto interessante dello studio, riguardava la modalità con cui questo campione di persone decideva di curare il problema. Oltre il 50% dei soggetti dichiarava di preferire l’omeopatia ai farmaci ed mostrava più interesse verso una dieta che cura la colite da stress nel tempo, più che ad antibiotici che apportassero benefici immediati. Ancora più significativo appariva come il 10% di questi affermava di farsi seguire da un naturopata online, in grado di seguire i progressi della terapia via skype, con un gran risparmio di tempo e di soldi. Decisamente 2 punti rilevanti, se pensiamo al costo della vita a New York e alla costante sensazione tempo perso tra gli ingorghi di Gramercy Square e i mille volti di Nolita.

La crescita esponenziale che sta vivendo la medicina alternativa e la popolarità degli integratori naturali nella grande mela, fa comprendere ancora meglio questo fenomeno.
Al di là delle condizioni del colon dei newyorkesi però è importante recuperare l’abitudine di mangiare a casa e staccarsi dalla dipendenza dell’insalata in busta o dei cibi congelati e forno a microonde. La nostra salute dipende il larga misura da quello che mangiamo e visto che in città è possibile trovare verdura fresca, direttamente coltivata sui terrazzi dei grattacieli, è auspicabile imparare a combattere gli agenti di stress, incominciando dalla tavola. Un po’ di sano jogging 2 volte a settimana a Central Park o lungo lo spettacolare Hudson River rilasserà la nostra mente e tonificherà invece i nostri muscoli.

Inserisci un commento